Education ed Editoria: Mobile e Social crescono

Education ed Editoria: Mobile e Social crescono

Una settimana fa eravamo a Todi Appy Days e abbiamo portato il nostro contributo raccontando a quali condizioni l’integrazione delle logiche mobile nell’educazione e progettazione editoriale digitale siano un valore per educatori, famiglie e bambini.

Abbiamo ricevuto segnali importanti: mobile app e social media sono esplosi tra le mani di genitori ed educatori e non siamo più in pochi a ritenere che sia necessario uno sforzo di educazione degli educatori per ricondurre adozione e uso del digitale in un quadro di buoni principi e pratiche educative.

Ardua la sfida, imponenti le possibili buone prospettive. Nel nostro doppio impegno – contributo al panel “Tecnologie e Contenuti per favorire l’apprendimento attraverso il digitale” e presentazione Koo-koo Books “Progettare in Digitale per i Bambini tra Gioco, Educazione ed Esperienza” – abbiamo dialogato con insegnanti, genitori, studenti, UX designer, bibliotecari e non solo, trovando consapevolezza e viva attenzione per i principi e le buone pratiche social e mobile da adottare nel costruire relazione educatore-bambino e genitore-bambino con il digitale.

Non abbiamo parlato di tecnologia. Abbiamo spiegato e mostrato come si esprimono in essa i sani e genuini ‘old values’ e l’eredità teorico-pratica dei migliori principi psico-pedagogici, riferibili sia all’insegnamento sia alla relazione genitore-bambino.

Crediamo che al centro di ogni opera editoriale, progetto educativo, e percorso formativo ci sia e debba essere sempre la relazione adulto-bambino.

Grazie a chi ci ha invitato, e in particolare a Fabio Lalli, Alessandra Graziosi, Alessia Riccardi, Paola Mattioli e ai mentor di CoderDojo Sigillo e CoderDojo Bologna.

PS Ci vediamo al Digital Readers!

Giovanni Vannini

Giovanni Vannini

Papà di 2, con 1 folletto in casa. Intraprenditore. La parola come mestiere​, prof che aspira a essere maestro​, educatore ai social media​. Amo intraprendenza,teatro,gesto atletico,la bellezza, e il delicato futuro dell'umanità.