Ispirati da un bambino

Ispirati da un bambino

Una foto sta facendo il giro del mondo proprio in queste ore sui social media. E’ la foto di un bambino intento a studiare, di notte, su un marciapiede, sfruttando l’illuminazione di un locale.

Ci piace questa foto. Racconta della voglia di crescere e di imparare, semplicemente questo. Come scrive Massimo Gramellini su La Stampa di oggi, questo bambino “non immagina di compiere un gesto eroico”. Eppure ammettiamolo, ci insegna belle cose.

Daniel Cabrera, questo il nome del bambino, è di Manila, Filippine, e ci ricorda il dono della semplicità. Era lì per studiare e basta. Certo, poi per caso (il caso? c’è chi dice che non esiste!) passa di lì Joyce Torrefranca che lo fotografa e pubblica la foto sul proprio profilo di Facebook.

Il post è semplice, dice “Ispirata da un bambino”. Bello. Anche lei è una studentessa, e vede in quel bambino un insegnamento. Il suo post è bello, semplice, puro, viene notato e comincia il giro del mondo.

Arriva lontano, arriva a noi, ma prima passa dal personale McDonald’s – è un McDonald’s quel ‘negozio che fa luce’ – che conosce Daniel e la famiglia perché si fermano spesso lì davanti. Dicono che Daniel gli ha chiesto un giocattolino, un gadget, e il manager del negozio glielo promette in cambio di una stella sui compiti. Arriverà.

Intanto la foto viaggia, fa il giro del pianeta e gira che ti rigira, arriva su Bayanihanproject.com che è un sito di crowdfunding e attiva la campagna di raccolta fondi “Raccolta fondi per l’educazione di Daniel”. Puoi contribuire anche tu, la trovi qui.

La bellezza di un bambino, l’educazione, le reti sociali, il crowdfunding. Bello, semplice.

 

con gratitudine per Mara Cepeda che su Rappler.com ci ha fatto scoprire di più di questo bambino.
Giovanni Vannini

Giovanni Vannini

Papà di 2, con 1 folletto in casa. Intraprenditore. La parola come mestiere​, prof che aspira a essere maestro​, educatore ai social media​. Amo intraprendenza,teatro,gesto atletico,la bellezza, e il delicato futuro dell'umanità.