L’amicizia dei porcospini

L’amicizia dei porcospini

C’è uno scritto, considerato una piccola parabola, che se letto con lo spirito con cui i bambini giocano, con gioia e purezza, è molto bello. Parla di porcospini e a noi piace pensare che tratti di amicizia.

Di questi famosi porcospini scrisse il filosofo Arthur Schopenhauer*,  ma né di lui né delle successive dottorali elucubrazioni di altri ci interessa, nemmeno se tra questi altri c’è il signor Sigmund Freud! No, a noi piace la parabola per la sua ‘semplice semplicità’, per quello che ci possiamo vedere noi genitori leggendola adesso ai nostri bimbi.

Anzi, ci prendiamo la libertà di ritoccarla giusto un po’ come ci piace.

I Porcospini di Schopenhauer.

In una bianca giornata d’inverno c’era un piccolo gruppo di porcospini, tutti infreddoliti.
Ben presto alcuni capirono che avvicinandosi si sarebbero scaldati e pensarono bene di proteggersi dal gran freddo stringendosi gli uni agli altri.
Ma il movimento fu troppo veloce e disordinato! Così, invece di avere un conforto, si punzecchiarono a vicenda, finendo con l’allontanarsi d’un balzo.
Di nuovo infreddoliti, ricominciarono ad avvicinarsi, prestando attenzione a ognuno dei compagni; dopo alcuni tentativi, finalmente trovarono il modo di stare piacevolmente vicini senza punzecchiarsi e si ritrovarono tutti felicemente al caldo.

Buona lettura, e buon dialogo con i vostri bimbi.

 

*Si dice in giro che il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un po’ cupo; comunque sia, noi invece siamo un po’ solari, anche un po’ tanto per la verità! per questo riprendiamo la sua parabola solo come ci piace.

 

 

Giovanni Vannini

Giovanni Vannini

Papà di 2, con 1 folletto in casa. Intraprenditore. La parola come mestiere​, prof che aspira a essere maestro​, educatore ai social media​. Amo intraprendenza,teatro,gesto atletico,la bellezza, e il delicato futuro dell'umanità.