Perché è importante far crescere bambini “smanettoni”

Perché è importante far crescere bambini “smanettoni”

Come tutti i bambini con i capelli rossi quando ero piccolo ero una peste. Ero capace di scalpellare il muro della mia camera per cercare di creare un tunnel che di notte mi portasse alla zona giorno di nascosto dai miei genitori coprendo di volta in volta il buco con un poster di Qui, Quo e Qua. Ero capace di scavare anche un buco nel terreno del giardino del nonno perché dovevo capire cosa c’era al centro della Terra: il mio migliore amico, infatti, mi aveva detto che avremmo trovato prima l’acqua, poi la pietra e infine il fuoco. Ero capace anche di scassinare la porta del gazebo degli attrezzi del vicino di casa perché convinto che quello era una covo di streghe e qualcuno le streghe prima o poi le doveva affrontare e uccidere. Insomma non ero proprio un bambino tranquillo, ma se c’era un trucco per farmi stare buono un paio di orette quel trucco si chiamava Meccano.

#InSearchOfStories

#InSearchOfStories

Si dice che narrare è nutrimento, e noi crediamo sia così. Proprio! Lo è specialmente la voce della mamma o del papà, o di chi legge al bambino, perché lo fa crescere, lo nutre di racconti, e nei racconti ci sono i personaggi, le emozioni. E poi ci sono anche le vibrazioni. Il tono e il ritmo della voce sono un vero viaggio alla scoperta del mondo, da sempre molto significativo per un bambino, più di quanto un adulto ricordi. Il calore della voce porta con sé le istruzioni sulla vita! E il narrare non è solo voce, è anche l’immagine, e il suono. Le prime comunità raccontavano con il suono, e poi con le immagini. Le parole in forma scritta sono arrivate molto tempo dopo. E’ tanto tempo che abbiamo i libri, e per fortuna! Con i libri, i più grandi scrittori ci hanno mandato storie bellissime, da leggere…